Siete Qui: eComesifa.it » Tech » Mobile » Come scoprire se una SIM è ancora attiva: Tutti i metodi

Come scoprire se una SIM è ancora attiva: Tutti i metodi

Ecco tutti i metodi per come scoprire se una SIM è ancora attiva, anche se inutilizzata da molto tempo. Se non sai come farlo, leggi l’articolo completo qui.

scoprire se la sim è ancora attiva

A molte persone capita di disfarsi di cose vecchie e di riaprire cassetti o contenitori mai aperti, se nonché la prima volta, e di trovare una SIM abbandonata e più inutilizzata.

Ci faremo molte domande nel momento del ritrovamento, ma siamo sciuri che una parte di queste persone decideranno di provare a riutilizzarla come uso di seconda scheda SIM. Dato anche che gli ultimi cellulari di ultima generazione sono quasi tutti Dual Sim.

Nel caso in cui invece, dopo le varie prove, vogliamo capire se la SIM non è più attiva, quindi non ci resta che partire subito e capire come scoprire se una SIM è ancora attiva.

Perché una SIM viene disattivata?

Prima di scoprire tutti i metodi per capire se una SIM è ancora attiva, dobbiamo un attimo capire il perché viene disattivata una SIM e come, dopo un determinato tempo.

Principalmente, il motivo per cui una SIM viene disattivata automaticamente è l’assenza di attività associata alla stessa: ciò significa che, trascorso un periodo di tempo dall’attivazione o dall’ultima ricarica effettuata, l’operatore si riserva il diritto di ritirare il numero di telefono associato alla SIM, rendendo la stessa inutilizzabile.

Inoltre, nel momento in cui la scheda viene disattivata completamente, il credito residuo sulla stessa è da ritenersi perso e non più recuperabile.

Il periodo di tempo dopo il quale una SIM viene disabilitata per mancanza di attività può variare in base all’operatore con cui si è sottoscritto il contratto, ma di solito si aggira sui 12 mesi di inutilizzo. Per inutilizzo si intende, nessuna ricarica, chiamata o SMS, sia in entrata che in uscita.

Ecco come capire se una SIM è ancora attiva

Ora è il momento di capire se una SIM è stata disattiva o è ancora attiva, al momento del suo ritrovamento. Quindi ecco come capirlo, di seguito tutti i metodi disponibili.

sim telefono attiva

Controllare la copertura della rete

Il primo metodo è quello da attuare assolutamente, anche se la scheda fosse davvero vecchia, ed è quello di inserire la scheda SIM nel cellulare per verificare se dispone ancora di una copertura di rete mobile.

Dopo aver acceso il telefonino ed essersi accertati che si sia avviato completamente, verifichiamo la presenza di campo accertandoci che il nome dell’operatore associato compaia da qualche parte, sul display del nostro smartphone.

Qualora, invece, ci dovessimo ritrovare faccia a faccia con il messaggio:

  • Nessun servizio
  • No copertura
  • SIM non attiva
  • SIM disabilitata o simili

È molto probabile che la scheda inserita nel telefono sia stata disattivata dall’operatore a cui essa apparteneva.

Chiamare il numero della SIM

La cosa forse più semplice da fare, ma senza aver effettuato la procedura precedente, cioè quella di inserire la SIM in un dispositivo mobile, non sarà possibile effettuare una chiamata con successo.

Quindi un’altra ottima tecnica per vedere se una SIM è ancora attiva è quella di effettuare una chiamata al numero associato alla stessa, meglio ancora se inserendo la scheda in questione in un telefono come già detto.

Se non si dovesse ricordare il numero della SIM in questione, è possibile consultarlo nell’involucro della stessa o molte volte sul retro della SIM. Se non è stato possibile farlo, con un po’ di fortuna sarà possibile recuperarlo nelle impostazioni di Android o iOS (A breve faremo un tutorial su questo).

Una volta recuperato il numero della SIM è possibile chiamare e capire se fosse ancora attiva.

Accedere ai servizi della SIM Online

Se non si è riusciti a compiere i metodi presenti nei paragrafi precedenti, oppure non si è convinti del fatto che la scheda SIM fosse davvero inattiva, allora abbiamo un’altra soluzione.

trovare la sim attiva

È possibile effettuare un ulteriore controllo tramite l’area online, per prima cosa, collegarsi al sito Internet di competenza dell’operatore, utilizzando uno dei link che forniremo qui di seguito:

Una volta effettuato l’accesso al portale più adatto al caso della SIM, recarsi nella sezione Abbonamento Offerte attive, identifichiamo la voce relativa alla SIM di interesse. Per capire se essa sia stata o meno disattivata, verifichiamo il relativo stato e l’eventuale data di scadenza visualizzati a schermo.

Contattare il gestore della SIM

Ultimo metodo, ma quello forse più diretto, è proprio il contattare l’operatore del gestore legato alla SIM ritrovata.

Se siamo noi i legittimi proprietari, quindi se la SIM è intestata a noi, allora possiamo risalire alla sua attività in modo semplice, solamente chiamando i numeri corretti del gestore associato alla SIM. Di seguito metteremo quelli che sono i numeri dei maggiori gestori, per parlare con un operatore:

  • TIM: 119
  • Vodafone: 190
  • Wind-Tre: 159
  • Iliad: 177
  • Fastweb: 192.193
  • ho mobile: 800.688.788 – (19.21.21 solo da ho)
  • Very mobile: 800.994.444

Dopo aver digitato il numero di riferimento, sarà possibile mettersi in contatto con un operatore nel più breve tempo possibile, e chiedere informazioni a riguardo della SIM. Necessario per una buona riuscita ricordarsi il numero associato alla suddetta SIM e l’intestatario.

Questi erano tutti i metodi per capire se una SIM fosse ancora attiva, facci sapere com’è andata e se abbiamo tralasciato qualcosa.

Leggi Anche: Usare una MicroSd su Smartphone o Tablet