Siete Qui: eComesifa.it » Tech » Web » Telegram: il file sharing avanzato, i pro e i contro

Telegram: il file sharing avanzato, i pro e i contro

Il noto servizio di messaggistica istantanea, Telegram, è da sempre il rivale di WhatsApp ma ha delle peculiarità veramente interessanti. Scopriamo quali.

Maggior numero di utenti e funzionalità innovative già basterebbero per decretare WhatsApp il vincitore di questa sfida, ma è l’entrata di quest’app nella nostra quotidianità che la rende veramente insostituibile e nessun rivale può mai sostituirla.

Ma tutto sommato Telegram non è affatto male, ed oltretutto può essere utilizzato anche via web (ovvero da computer). Si vale lo stesso anche per WhatsApp, ma con Telegram non è necessario un numero di telefono. E non è una cosa da poco.

Indice

Come trasferire foto e file con Telegram

Uno dei punti di forza di Telegram è l’invio di file di grosse dimensioni. Cosa non prevista invece dai competitors, mentre l’app di Pavel Durov regge benissimo anche con i file “pesanti”.

Inoltre, Telegram non pone alcun limite al numero di foto o di file da inviare. Non andrà mai in crash, neanche con 50 foto già caricate e pronte per essere inviate.

Molto interessante la funzionalità che permette di scegliere se inviare le foto in qualità compressa o così com’è. Si tratta di una cosa sicuramente utile dato che alcune foto possono risultare più pesanti di altre, magari scattate con una fotocamera professionale.

Infine, per comprimere i file non sarà più necessario affidarsi a software o app di terze parti. Ci pensa Telegram, vi basterà fare tap sull’apposita icona e in pochi secondi (o anche minuti, dipende dalla grandezza dei file, ma comunque veloce) sarete pronti ad inviare il vostro file compresso.

telegram o whatsapp

I pro

Tra i vantaggi di utilizzare telegram come app di messaggistica c’è innanzitutto il file sharing avanzato appena descritto. Poi, l’interfaccia semplice ed intuitiva segna sicuramente un punto in più per Telegram, molto carini anche i messaggi “a scomparsa” (cosa ideata da Telegram e proposta soltanto con la sua app).

Interessante anche la creazione di gruppi fino a 200.000 utenti, anche se in realtà sembrano addirittura troppi. Un altro punto a favore di Telegram, nonostante “l’inutilità” della cosa (anche se questo è da vedere, magari potrebbe comunque destare interesse).

Tra gli altri vantaggi di Telegram segnaliamo la possibilità di editare i messaggi inviati nei gruppi, e soprattutto non si deve disporre di un numero di telefono per utilizzare l’app (o la piattaforma web).

I contro

Bella si, ma alcuni svantaggi li presenta anche Telegram. La prima cosa che segnaliamo è che le chat di default non sono cifrate, e la crittografia funziona solo per le chat segrete. Quindi si esalta tanto la protezione dei dati sensibili e la privacy di Telegram, quando invece non è proprio un “fenomeno” di sicurezza.

Poi, l’altro enorme svantaggio è che non ha la stessa quantità di utenti che ha WhatsApp.

Certo, questo valore nel tempo crescerà sempre di più, anzi probabilmente l’azienda chiuderà il 2020 con milioni di utenti in più rispetto al 2019. Ma in fondo non sarà mai abbastanza. Con chi puoi messaggiare su Telegram, se tutti usano WhatsApp?

Leggi Anche: Come aggiornare WhatsApp

25%
(* = link affiliato / fonte immagine: Programma Affiliazione di Amazon)
×
Prezzi e disponibilità dei prodotti sono accurate alla data / ora indicata e sono soggette a modifiche. Qualsiasi prezzo e la disponibilità delle informazioni visualizzate su https://www.amazon.it/ al momento dell'acquisto si applica per l'acquisto di questo prodotto.
[Voti: 22   Media: 4.7/5]