Siete Qui: eComesifa.it » Salute » Come disinfettare le punture di zanzara nel modo giusto

Come disinfettare le punture di zanzara nel modo giusto

Le zanzare sono considerate un vero e proprio fastidio da molti italiani, il motivo per cui questi insetti hanno una cattiva fama è certamente legato alle fastidiose punture che esse rilasciano. Le punture di zanzara sono considerate generalmente come un fastidioso imprevisto che si verifica soprattutto nelle calde serate estive. In questo articolo andremo a scoprire come disinfettare le punture di zanzara nel modo giusto.

disinfettare puntura di zanzara

Zanzare: perché pungono?

Capita spesso di provare a godersi un momento di meritato relax quando improvvisamente ci si accorge di un fastidioso senso di prurito in una parte del proprio corpo, giungendo velocemente ad una conclusione: una zanzara ha colpito.

Le punture di zanzara sono estremamente fastidiose, per comprendere come comportarsi in caso di questo inconveniente andiamo prima di tutto a scoprire perché questi insetti pungono.

Le zanzare sono presenti sulla terra da oltre 30 milioni di anni, periodo molto lungo nel quale hanno avuto la possibilità di sviluppare la propria abilità nella ricerca del cibo. Bisogna sapere che le zanzare che pungono l’uomo sono esclusivamente le femmine.

Il motivo per cui le femmine di zanzara pungono non è da ricercare nel bisogno di “cibo” ma perché il sangue proteine necessarie al corretto sviluppo delle uova. L’obiettivo delle punture di zanzara non è come molti pensano quello di sfamarsi ma quello di sostenere la riproduzione.

Le zanzare, grazie a dei particolari sensori chimici, sono capaci di rilevare l’anidride carbonica che viene naturalmente emanata dal corpo umano durante la respirazione. Questi insetti sono capaci di percepire l’anidride carbonica anche a 30 metri di distanza.

Anche l’acido lattico e altre sostanze contenute nel sudore sono capaci di indirizzare verso di noi le zanzare, motivo per cui le persone che soffrono di sudorazione eccessiva sono tra le vittime preferite delle zanzare.

Come disinfettare le punture di zanzara nel modo giusto

Quando una zanzara punge mette sotto attacco lo strato di pelle umana più superficiale. Il morso di zanzara per sua natura è piccolissimo e non arreca normalmente un danno considerevole, provocando tuttavia un fastidioso senso di prurito che porta spesso a grattarsi.

La sensazione di prurito che si scatena dopo una puntura di zanzara è causata da una sostanza chiamata istamina. Che cos’è l’istamina? Un mediatore chimico coinvolto nei processi infiammatori ed allergici del corpo umano, piuttosto potente, che stimola la dilatazione dei vasi ematici che sono presenti nello stato sotto la pelle.

Per questo motivo, in corrispondenza di una puntura di zanzara viene a crearsi una fastidiosa bolla pruriginosa e spesso arrossata. Come detto, una puntura di zanzara è considerata dalla maggior parte delle persone come un semplice inconveniente ma in alcuni casi è importante prestarvi particolari attenzioni, soprattutto quando ad essere punti sono stati gli anziani e i bambini.

I danni causati da un morso di zanzara possono infatti anche diventare piuttosto importanti a causa del grattarsi eccessivo che può condurre ad un sanguinamento o all’instaurarsi di una reazione allergica. Ecco perché è molto importante disinfettare le punture di zanzara nel modo giusto.

La prima soluzione che vi proponiamo contro le punture di zanzara è rappresentata da appositi stick a base di ammoniaca, facili da trovare in farmacia, che forniscono notevole sollievo evitando in questo modo che la persona morsa si gratti, più o meno consapevolmente.

Nel caso in cui nella zona della puntura dovesse verificarsi un particolare gonfiore, è consigliabile applicare in loco una crema a base di cortisone o di antistaminico.

Punture di zanzara: cibi da mangiare e da evitare

Un altro aspetto importante per evitare le punture di zanzara è mangiare cibi che non attirino questi fastidiosi insetti. La nostra alimentazione infatti può incidere notevolmente sulla possibilità di ricevere o meno una puntura di zanzara.

Tra gli alimenti che è consigliabile mangiare consigliamo: frutta e verdura, yogurt e probiotici. Questi cibi infatti sono ricchi di antiossidanti e aiutano ad innalzare le difese immunitarie.

Consigliabile invece evitare tutte le bevande alcoliche, tra cui vino e birra che invece sono capaci di attirare le zanzare a causa di particolari odori percepiti dagli insetti in chi consuma questo tipo di bevande.

Cose da fare in caso di punture di zanzara

Nel caso in cui non si sia proprio riusciti ad evitare di essere punti da una zanzara allora è bene essere preparati ed agire correttamente nel più breve tempo possibile, in modo che il gonfiore non diventi troppo vasto.

zanzara attirata dal sangue

Una delle prime contromosse che è possibile mettere in atto è a nostra disposizione nel congelatore. Applicare del ghiaccio avvolto in un panno morbido infatti, direttamente sulla zona di puntura, consente di ricevere un senso anestetizzante e calmante grazie all’effetto vasocostrittore del ghiaccio freddo.

Anche l’allume di rocca inumidito è una soluzione molto diffusa contro i morsi di zanzara. Questo rimedio è molto antico ma ancora efficace che consente di ridurre in breve tempo il senso di prurito.

Un’altra alternativa è rappresentata da creme a base di cloruro di alluminio ma anche da soluzioni di acqua e sale (un bicchiere d’acqua e un cucchiaino di sale).

Cosa evitare in caso di punture di zanzara

La cosa migliore per le punture di zanzare è cercare di evitarle del tutto. L’unico modo per riuscirci è ovviamente quello di evitare comportamenti che favoriscano la puntura. Tra i comportamenti da evitare troviamo certamente quello di aprire le finestre di casa di notte, senza essere muniti di una zanzariera.

Le zanzare infatti sono solitamente molto attive dopo il tramonto e quindi lasciando la finestra aperta è molto facile ritrovarsi con la casa invasa da questi fastidiosi insetti. Quando ci si trova fuori casa, un comportamento che scoraggia le punture di zanzara è certamente evitare di indossare abiti di colore nero che secondo alcune ricerche attirano le zanzare.

Nel caso in cui si dovesse essere punti la cosa più importante è cercare di non grattarsi, sfregare la zona in cui è avvenuta la puntura infatti non porterà ad altro che ad un aumento del prurito.

Leggi Anche: Repellenti per zanzare fatti in casa

9%
(* = link affiliato / fonte immagine: Programma Affiliazione di Amazon)
×
Prezzi e disponibilità dei prodotti sono accurate alla data / ora indicata e sono soggette a modifiche. Qualsiasi prezzo e la disponibilità delle informazioni visualizzate su https://www.amazon.it/ al momento dell'acquisto si applica per l'acquisto di questo prodotto.