Come decolorare le pigne

Le pigne sono una decorazione ottima per corone e composizioni floreali, ma potete sono belle da vedere anche sul tavolo o sopra una mensola. Naturalmente le pigne sono associate all’autunno o all’inverno, ma possono abbellire e decorare la vostra casa per tutto l’anno, soprattutto una volta decolorate.

Lo sbiancamento dona un’aspetto invecchiato alle pigne, la patina bianca che si forma, sta bene sia per case arredate in stile moderno che rustico.

Occorrente:

  • Pigne
  • Candeggina
  • Secchio di plastica
  • Guanti di gomma
  • Piatto in ceramica o vetro
  • Un mattone
  • Giornali

Come sbiancare le pigne

  1. Per prima cosa rivestite il piano di lavoro con i giornali in modo da riparare il tavolo dagli schizzi di candeggina.
  2. Pulite lo sporco in eccesso dalle pigne e mettetele in un secchio di plastica.
  3. Indossate i guanti di gomma e versate lentamente la candeggina nel secchio fino a quando le pigne sono completamente ricoperte.
  4. Le pigne dovranno essere completamente sommerse nella candeggina, ma come noterete, le pigne galleggiano, quindi, per evitare che ciò accada, posizionate un piatto di ceramica o di vetro sopra le pigne e poi con delicatezza, un mattone sopra il piatto. Ricordate di indossare sempre i guanti di gomma mentre fate queste operazioni.
  5. Bene, ora lasciate le pigne in ammollo per tutta la notte nella candeggina o comunque per un massimo di 24 ore.
  6. Trascorso il tempo, noterete che le pigne si saranno chiuse, indossate di nuovo i guanti e rimuovete il mattone e il piatto, quindi raccogliete le pigne e posatele su qualche foglio di carta assorbente.
  7. Lasciatele asciugare all’aria aperta e man mano che si asciugano si apriranno di nuovo. Il processo richiede solitamente una o due settimane. L’esposizione all’aria aperta eliminerà dalle pigne qualsiasi odore di candeggina e se volete, potete profumare le pigne conservandole per un po’ in un contenitore sigillato con qualche goccia di un olio essenziale a vostra scelta per un mese.

Tag:, , ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares