Siete Qui: eComesifa.it » Varie » Animali » Come accogliere un cucciolo di gatto in casa

Come accogliere un cucciolo di gatto in casa

I gatti sono animali molto particolari, la storia ci parla di un animale selvatico che ad un certo punto delle vicende umane si avvicina a noi per il cibo. Alcuni studiosi, per questa ragione, ritengono che il gatto non sia stato addomesticato ma che abbia scelto di sua spontanea volontà di stare vicino alla nostra specie.

avere un gatto in casa

Una cosa che devi assolutamente sapere se non hai mai avuto un gatto in casa è che ogni singolo individuo di questa specie è differente da tutti gli altri. Il gatto è un animale fiero ed indipendente ma ciò non significa che lo si possa lasciare senza cibo, come molti pensano.

Ci sono varie tipologie di gatto, troverai quelli più propensi a vivere in casa, e quelli che invece restano forastici, alcuni sono molto aggressivi, altri lo saranno meno.

Come comportarsi con un gattino

Se hai deciso per la prima volta di adottare un gattino, rivolgiti a delle colonie feline o a dei gattili, sul territorio nazionale ce ne sono molti dislocati nelle varie regioni d’Italia.

Ti sconsiglio di acquistare un gatto, ce ne sono molti che hanno bisogno di accoglienza e li puoi trovare nei luoghi che ti ho evidenziato in precedenza.

Ma come ti dovrai comportare?

Per prima cosa devi sapere che un gattino può essere staccato dalla madre solo a distanza di qualche mese dalla nascita, almeno 3-4 mesi, non prendere un cucciolo appena nato, ogni gattino ha bisogno del nutrimento e dell’insegnamento della madre, altrimenti soffrirà del distacco per il resto della sua vita.

Noterai che il gatto farà un verso. Questo verso viene definito come ronfo.

Si tratta di un suono che riproduce il rapporto con la madre, è il primo suono che il gattino sente dalla madre, e al quale risponde. Se lo farà anche con te significa che sta ricreando un rapporto con la madre, proiettando su di te questa funzione e dimostrandoti tutto il suo affetto.

allevare gatto a casa

Coccola il gatto, non lo far sentire solo, se lavori e sei fuori casa per molte ore durante il giorno, la sera dedicagli tempo, i gatti ci amano, abbiamo il dovere morale di restituirgli amore.

Di cosa ha bisogno un cucciolo di gatto in casa

Il tuo gattino dovrà fare le vaccinazioni. Per prima cosa quando lo adotterai assicurati che questi siano stati fatti e informati se è positivo o negativo all’aids felino.

Un gattino piccolo è nel pieno della sua energia, avrà bisogno di giocare.

Il gioco rappresenta la sua interazione sociale primaria, è dal gioco che sviluppa le sue attitudini naturali.

Nel merito i gatti prediligono giocattoli che rotolano o che “strisciano” passerai del tempo con il tuo cucciolo di gatto, interagisci con lui giocandoci, lo aiuterai a costruire un rapporto con te.

Un cucciolo di gatto che abbia 3-4 mesi o poco di più ha bisogno di inserirsi nel nuovo ambiente, e non sempre questo bisogno è semplice da soddisfare.

Il gatto si affeziona alla persona ma anche al luogo.

Non è vero che questo animale è solo territoriale, spesso alcuni gatti si allontanano per poi tornare dai loro conviventi umani, però il gatto è anche molto responsabile e abitudinario una volta che si è inserito in un luogo.

Dovrai riprodurre un ambiente nel quale il gatto ami rimanere. Se vivi in città dedica uno spazio al suo riposo e al gioco del micio, puoi certamente farlo girare in casa ma poni delle regole, da cuccioli i gatti vanno educati a non fare danni.

E quest’ultima cosa vale anche se vivi in campagna.

gatti e bambini

I gatti come detto giocano, e nel gioco inseriscono anche morsi, “tiri” di oggetti, si capisce che se hai delle porcellane o degli oggettini decorativi in casa (magari in vetro) dovrai evitare che il gatto te li rompa, puoi nasconderli almeno nelle prime fasi di gioco intenso del micio, oppure far capire al gatto che ci sono aree interdette, dovrai impegnarti in questo secondo caso perché come detto questo animale è indipendente e adotterà dei comportamenti per continuare ad agire come agisce.

Come reagisce il gatto ad un ambiente nuovo

Un gatto in un ambiente nuovo può reagire in vari modi, molto dipende anche dal tempo che ha trascorso nell’ambiente precedente.

Dovrai essere comprensivo, e questo vale sempre, anche rispetto al carattere del felino.

Il tuo nuovo amico felino può reagire al nuovo ambiente in questi modi:

  • scappando (spesso tornano ma altre volte no) e questa è la peggiore delle ipotesi,
  • esplorando il nuovo ambiente,
  • cercando di trovare un angolo o uno spazio dove collocarsi (e lo sceglierà il gatto non te),
  • cercando di capire dove si trova,
  • giocando per familiarizzare col nuovo ambiente,
  • adottando comportamenti particolari.

In tutti questi casi non potrai condizionare il comportamento del gatto, dovrai osservarlo e comprenderlo senza forzarlo in questa fase.

Leggi Anche: Come comprendere il linguaggio del gatto

(* = link affiliato / fonte immagine: Programma Affiliazione di Amazon)
×
Prezzi e disponibilità dei prodotti sono accurate alla data / ora indicata e sono soggette a modifiche. Qualsiasi prezzo e la disponibilità delle informazioni visualizzate su https://www.amazon.it/ al momento dell'acquisto si applica per l'acquisto di questo prodotto.
[Voti: 13   Media: 4.6/5]