Come si masterizzano i giochi per Xbox 360

La Xbox 360 è una delle console per videogames più vendute e amate di ogni tempo, successo dovuto alle sue elevate performance grafiche e alle ottime qualità costruttive.

Capita di frequente che i videogiochi originali della Xbox 360, con il trascorrere del tempo, mostrino dei graffi e degli evidenti segni di usura, i quali potrebbero compromettere il regolare funzionamento del videogame. Per risolvere il problema è sufficiente fare una copia di backup, ottenendo un disco praticamente identico all’originale. Si ricorda che le copie sono riproducibili esclusivamente da Xbox 360 modificate.


L’occorrente per la copia dei videogames dell’Xbox 360

Per masterizzare un gioco per Xbox 360 sono necessari un PC con masterizzatore Dual Layer, un DVD Dual Layer vergine (DL) e un software per la masterizzazione delle immagini, oltre al disco originale da cui ricavare l’immagine stessa. Il programma più utilizzato per la masterizzazione dei giochi per la Xbox 360 è ImgBurn, software gratuito scaricabile dal sito www.imgburn.com. Una volta installato il programma, disponibile anche in versione italiana mediante l’applicazione dell’apposito plug-in, è necessario cliccare su ‘Masterizza un’immagine’.

Metodi di masterizzazione per i videogiochi antecedenti al settembre 2011

Se si è in possesso soltanto del file ISO, bisogna selezionare il menu ‘Strumenti’ e successivamente ‘Impostazioni’, accedendo alla scheda ‘Scrivi’. Il passo seguente consiste nello spuntare la voce ‘Specificato dall’utente’, inserendo il numero ‘1913760’. Non resta che selezionare il file ISO del videogame e procedere alla masterizzazione della copia di backup. Questo tipo di operazione è nota come ‘Layer Break’ e serve per la scrittura di entrambi i lati del disco. Se, invece, si dispone del file DVD, non è necessario impostare il Layer Break. Tutto ciò che bisogna fare è selezionare il file DVD del gioco da copiare e attuare il processo di masterizzazione.

Come masterizzare i DVD DL dopo il settembre 2011

Per i giochi di introduzione più recente, il processo di masterizzazione richiede un passaggio in più. Il primo passo consiste nel creare un documento di testo (blocco note) e scrivere al suo interno le seguenti diciture: ‘LayerBreak=2133520’ e ‘Gioco.iso’. Sostituire la dicitura ‘Gioco.iso’ con il nome del gioco da masterizzare, spostando il file appena creato all’interno della stessa directory in cui è contenuto il file ISO. L’ultima modifica da compiere consiste nel rinominare il file di testo, cambiando la sua estensione in ‘.dvd’. Nonostante la presenza di un file DVD è comunque necessario impostare il Layer Break come visto in precedenza, immettendo il valore ‘2133520’.

In tutti i casi si consiglia di evitare di masterizzare i DVD Dual Layer a una velocità superiore ai 4x, poiché il gioco potrebbe risultare illeggibile.

Se volete cambiare la vostra console, con una di nuova generazione come la XBOX ONE oppure la PLAYSTATION 4, leggete la nostra guida per capire qual’è la console ce fa per voi, cliccate QUI.


Potrebbe interessarti anche:

Come si avviano i vecchi giochi GBA su Nintendo DS
Visite 190
Non tutti sanno che la famosissima console portatile Nintendo DS, è in grado di ...
Come si attivano i trucchi per Saints Row 4 (XBOX 360)
Visite 145
Anche per questo nuovo capitolo della serie SAINTS ROW, il famosissimo videogioc...
I videogiochi più attesi del 2015
Visite 15
Il 2015 è stato un anno pieno di emozioni per gli appassionati di videogame, con...
Come giocare con i tuoi amici su Facebook Messenger
Visite 34
Con l'ultimo aggiornamento, Facebook ha migliorato la sua applicazione di messag...
Come creare un simulatore di guida
Visite 1442
Sono sempre di più gli appassionati di videogame automobilistici e molti di loro...
Come Estrarre Audio da DVD e Video Youtube
Visite 63
Estrarre l'audio da un dvd musicale oppure da un video YouTube è una tra le oper...

Lascia un commento



Potrebbero interessarti:

Seguici su Facebook:

eComesifa.it - Guide e tutorial ! Soluzioni ai piccoli problemi quotidiani - by Federico Degni