Come si fa per togliere le macchie di vino rosso

Hand wash

Hand wash

Ed ecco la guida che tutti stavate aspettando: come togliere le macchie di vino rosso. In estate, complice il bel clima, si invitano parenti e amici a casa per cenare insieme ma tra un brindisi e l’altro il vino rosso dal calice può finire direttamente sulla tovaglia o peggio ancora sui vestiti. Esistono dei rimedi naturali per togliere le macchie di vino rosso e anche alcuni vecchi consigli della nonna che possono essere sperimentati su macchie fresche e asciutte. Il primo consiglio che vi dobbiamo dare per togliere le macchie di vino rosso è quello di non utilizzare acqua bollente perché possono rimanere degli aloni sui tessuti. Vi ricordiamo inoltre che se avete paura di fare danni potete sempre portare i vostri capi in lavanderia, ma la soddisfazione di togliere una macchia di vino rosso è un’emozione che deve essere provata almeno una volta nella vita. Allora rimbocchiamoci le maniche e iniziamo a smacchiare!

  1. Acqua e detersivo per i piatti: Il primo rimedio per togliere le macchie di vino rosso è acqua e detersivo per lavare i piatti. Versate il prodotto direttamente sulla macchia e lasciate agire per circa mezz’ora, poi effettuate il lavaggio a 40°.
  1. Acqua frizzante: Questo è un rimedio pratico e veloce per impedire al vino rosso di impregnare i tessuti. Versatela direttamente sulla macchia e quando arrivata a casa procedete con il lavaggio in lavatrice.
  1. Dentifricio: Il dentifricio è un ottimo pre-trattante per le macchie asciutte. Applicatelo e lasciate che agisca almeno un paio d’ore. Non utilizzate quelli sbiancanti che potrebbero scolorire i tessuti.
  1. Sapone di Marsiglia: Il sapore di Marsiglia è il rimedio perfetto per macchie fresche e datate. Inumidite il pannetto con acqua tiepida e strofinate delicatamente prima di effettuare il solito lavaggio.
  1. Percarbonato di sodio: Questo prodotto naturale sfrutta le proprietà dell’ossigeno attivo. In commercio vi sono dei prodotti più complessi e anche più costosi che hanno lo stesso effetto. Se il tessuto è resistente potete mettere a mollo aggiungendo la quantità indicata sulla confezione che è diversa in base al tipo di tessuto, alla quantità dell’acqua e alla temperatura (questo è l’unico prodotto per cui è ammessa l’acqua bollente).
  1. Succo di limone: Le nostre nonne toglievano le macchie di vino rosso con il succo di limone. Per potenziare l’effetto potete aggiungere un po’ di sapone liquido per le mani. Lasciate agire a lungo lontano dal sole e poi mettete in lavatrice.
  1. Acqua ossigenata: Se le macchie sono ancora fresche prendete una bacinella e mettete acqua ossigenata e acqua del rubinetto in parti uguali. Trasferite la miscela in uno spruzzino e applicate sulla macchia. Se il tessuto lo permette strofinate con le mani.
  1. Vino bianco e bicarbonato: Il vino bianco è l’antagonista di quello rosso quindi versatene un po’ sulla macchia e coprire con uno strato di bicarbonato di sodio. Lasciate agire almeno un paio d’ore e di tanto in tanto spruzzate acqua fredda. Completare con il lavaggio in lavatrice.

Potrebbe interessarti anche:

Lo zenzero e i suoi benefici
Visite 51
Lo zenzero non ha bisogno di particolari presentazioni, è una potente radice ori...
Come combattere l’insonnia
Visite 19
Oggi vi mostrerò un sistema efficace per combattere l'insonnia, anche quella cro...
Come preparare una maschera per il viso con le uova
Visite 11
Le uova, come tutti sapete, sono un alimento utilizzato e apprezzato in tutto il...
L’Acerola e i suoi benefici
Visite 17
L'acerola (Malpighia glabra) è una pianta tropicale originaria dell'America cent...
Rimedi naturali per contrastare i sintomi della menopausa
Visite 25
La menopausa è una fase della vita della donna in cui avviene nel corpo un mutam...
Come rimuovere le macchie di inchiostro dal divano
Visite 142
Il vostro bambino ha macchiato il divano di inchiostro? Non abbiamo buone notizi...

Lascia un commento



Potrebbero interessarti:

Seguici su Facebook:

eComesifa.it - Guide e tutorial ! Soluzioni ai piccoli problemi quotidiani - by Federico Degni