Come scegliere e conservare gli asparagi

Gli asparagi sono spesso molto sottovalutati e raramente vengono impiegati per la preparazione di cibi particolari, sopratutto nelle case italiane.

Molti nutrono dubbi sugli asparagi e non riescono a riconoscere quelli di ottima qualità né sanno distinguerli da quelli scadenti. Per questo motivo, nella seguente guida vi mostreremo come fare a scegliere e a conservare gli asparagi nel migliore dei modi.

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B00KYMS510[/asa2]

  1. Una volta giunti al mercato o al supermercato, dovete per prima cosa esaminare con cura gli asparagi, facendo attenzione sopratutto alla loro rigidità. Le punte, ad esempio, devono essere assolutamente prive di squame.
  2. Controllate la zona delle punte degli asparagi, che deve apparire sempre ben soda e sopratutto chiusa. Se notate che gli asparagi possiedono delle punte aperte o irregolari, vuol dire che non sono freschi ed è meglio scartarli.
  3. A parte le punte, anche i gambi degli asparagi devono essere in ottime condizioni. Devono apparire “pieni” di polpa interna, e vi basterà toccarli per accorgervene. Non dovete mai acquistare gambi spezzati o rovinati, ma sempre perfettamente integri.
  4. I gambi, inoltre, devono essere sempre costituiti da zone tondeggianti, mai piatte. Gli asparagi piatti sono spesso anche molli e facilmente sfaldabili in quanto sono stati raccolti tempo prima e non sono freschi.
  5. Gli asparagi non sono freschi anche quando il gambo, sul finire, appare particolarmente duro e legnoso. Se i vostri asparagi sono secchi, vuol dire che sono stati raccolti da tempo, non acquistateli.
  6. Anche l’odore è importante per comprendere la natura degli asparagi. Appena raccolti, questi non emanano nessun odore. Se sentite un tanfo particolarmente acceso, invece, può voler dire o che non sono stati lavati o che magari non sono freschi.
  7. Per conservare al meglio i vostri asparagi, dovete immergerli all’interno di una bacinella colma di acqua fredda e coprirli con una tovaglia bagnata. Inseriteli poi all’interno del frigorifero, fino a quando non deciderete di cucinarli.

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B005KSXC02[/asa2]

 

Potrebbe interessarti anche:

Alimenti che causano l’acne
views 17
Anche se la correlazione tra ciò che mangiamo e la comparsa dell'acne è ancora o...
Conservare succhi di frutta fatti in casa
views 77
I succhi di frutta fatti in casa sono bevande fresche e nutrienti consigliate da...
Come eliminare le farfalline del cibo
views 121
Una dispensa pulita e ordinata è la prerogativa prima di tutte le massaie. Spess...
Maccheroncini con asparagi e patate
views 10
La sezione dedicata alle ricette di cucina si arricchisce con un primo piatto bu...
Quali alimenti mangiare dopo un allenamento
views 14
Il cibo per il nostro corpo è come il carburante per le auto e deve essere utili...
Come si deve conservare il tartufo nero
views 36
Dopo il tartufo bianco, il tartufo nero è uno degli alimenti più costosi in circ...

Lascia un commento



Potrebbero interessarti:

Seguici su Facebook: