Come ridurre le spese di manutenzione della piscina

La piscina è un toccasana, soprattutto quando sopraggiunge il caldo estivo e non si ha la possibilità di concedersi spesso un bagno a mare. Ma la piscina è anche tanto altro: soprattutto spese su spese, che vanno ad accumularsi quando si tratta di manutenerla correttamente e di garantirgli una pulizia ed una temperatura ottimale. Se anche voi possedete una piscina, sapete sicuramente di cosa stiamo parlando, e del tempo e dei soldi che tutte le volte sprecate per farla risplendere e per garantirvi un bagno in totale pulizia e sicurezza. Eppure esistono dei modi per rendere queste operazioni di manutenzione meno costose e meno impegnative: vediamo insieme come ridurre le spese di manutenzione della piscina.

Proteggete la piscina con un telo di copertura invernale

Il primo modo per tenere linda una piscina, ed anche il più facile da utilizzare, è senza dubbio l’acquisto di un telo di copertura invernale, che possa raccogliere le foglie e lo sporco che, normalmente, finirebbero all’interno della vostra vasca. Il consiglio, inoltre, è di pulirlo accuratamente tutte le volte che lo utilizzate, e di assicurarvi che non siano presenti tagli: un telo di copertura bucato o danneggiato, come potete facilmente immaginare, è un ottimo metodo per riempire la vostra piscina di schifezze.

Utilizzate una copertura isotermica per evitare le fughe di calore

Se c’è una cosa capace di farvi schizzare in aria, è il contatto con l’acqua gelida. Non c’è infatti cosa peggiore di una piscina fredda e inutilizzabile, soprattutto se la vostra intenzione era quella di rilassarvi sentendovi coccolati come nei centri termali. Per questo motivo, il nostro consiglio è quello di acquistare una copertura isotermica che, oltre a proteggere la vostra piscina dai detriti e dalla sporcizia, vi permetterà anche di riscaldare l’acqua e di mantenerne intatta la temperatura. Inoltre, utilizzando questo tipo di copertura risparmierete tantissimi soldi in bolletta, dato che l’acqua verrà riscaldata grazie all’azione dei raggi del sole, e non tramite l’utilizzo di un motorino riscaldatore.

[asa2]B003N1S4OC[/asa2]

Acquistate un robot pulitore elettrico

L’impianto di filtrazione della piscina è senza dubbio molto utile, ma si rivela altrettanto costoso per via dell’enorme spreco di energia elettrica. Per questo motivo, un modo per risparmiare sulla bolletta, a fronte di un piccolo investimento iniziale, è l’acquisto di un robot pulitore elettrico: l’ideale per pulire il fondo e le pareti delle piscine dai detriti, e per igienizzare l’acqua senza spendere troppi soldi.

Utilizzare l’impianto di filtrazione la notte

Un ulteriore metodo per risparmiare sul consumo di energia elettrica, è accendere l’impianto di filtrazione dell’acqua durante la notte, approfittando dunque della fascia oraria meno costosa per quanto riguarda l’utilizzo della corrente elettrica. Inoltre questa pratica si rivela molto comoda per pulire la piscina senza per questo dover combattere con le proteste di chi la sta utilizzando: chi ha dei figli, sa di cosa stiamo parlando.

La clorazione lenta

Infine, non scordiamoci che l’operazione di clorazione implica anche un utilizzo continuato dell’impianto di filtrazione dell’acqua. Questo significa che, grazie ad una clorazione lenta ripetuta in modo omogeneo per delle settimane, si potrà ottenere una piscina perfetta senza per questo dover ripetere ogni giorno il processo di clorazione.

[asa2]B00QRWT5RO[/asa2]

Tag:, ,

Related Posts

Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares