eComesifa.it

Come organizzare la prima comunione

Questa primavera tuo figlio farà la prima comunione e quel momento tanto atteso sta per arrivare. Non pensarci troppo tardi, ma organizzati con calma perché sono molte le cose a cui pensare. Ci sono le bomboniere, gli inviti e il rinfresco e soprattutto il vestito. Devi organizzare in  tempo tutto ciò che serve, perché tutto vada alla perfezione.

E’ un momento molto emozionante e anche per il tuo bambino che si accinge a prendere questo sacramento molto sentito. Temi che qualcosa possa sfuggirti, ma ecco allora che ti suggerisco i passi da seguire perché tu possa arrivare a quel giorno serena e realizzare la festa che hai sempre sognato.

  • Informati con la Parrocchia sull’abito scelto, perché molte chiese decidono per la tunica uguale per tutti. In questo caso, fatti dire in tempo a quale negozio rivolgerti per acquistare quella richiesta. La potrai trovare pronta oppure dovranno prendere le misure al tuo bambino, per poterla realizzare.
[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B00OQ0L126[/asa2]

Se non ti è stato imposto un vestito, rivolgiti ai negozi specializzati dove troverai abiti per tutti i gusti. Potrai scegliere quelli che piacciono di più a tuo figlio. Per la femminuccia avrai l’imbarazzo della scelta, fra abiti larghi e stretti, semplici o più sfarzosi, con il velo o una semplice ghirlanda da mettere sui capelli che potrai lasciare liberi sulle spalle o se preferisci acconciare, con boccoli o raccogliere sulla testa. Per i maschietti, puoi optare per l’abito blu, ma sono molto carini anche quelli color panna o azzurri. Puoi fargli indossare il cravattino o il papillon. Non scordare di scegliere anche le scarpe adatte al vestito che acquisterai anticipatamente, specie se dovrai fare la prova dalla sarta.

  • Prepara gli inviti da consegnare in mano o spedire agli invitati. Fai una lista di quante persone intendi invitare e decidi se preparare degli inviti con le tue stesse mani. Sarebbe una maniera più originale e allo stesso tempo potrai anche risparmiare.
  • Per la scelta delle bomboniere, fatti un giro nei vari negozi, c’è l’imbarazzo della scelta e dai prezzi dai più economici ai più alti. Non esagerare, la bomboniera deve essere carina, ma non sfarzosa. Oggi molte ragazze realizzano bomboniere davvero originali e poco costose. Rivolgiti a loro oppure realizzale da sola.
  • Se hai bisogno del parrucchiere, prenota l’incontro per tempo e decidi con lui per la prova acconciatura.
  • Scegli con tutta la famiglia il posto dove dovrai fare il rinfresco. Poiché l’evento avverrà in primavera, scegli un ristorante con uno spazio esterno abbastanza grande e immerso nel verde. Organizza con il locale gli addobbi e le decorazioni. Se a casa tua hai lo spazio sufficiente, meglio! In questo caso provvedi per i tavoli e le sedie sufficienti per tutti e poi il tovagliato e quant’altro. Prenota un catering che ti saprà aiutare su tutto ciò che occorre per il rinfresco.
  • La torta è il punto forte della festa e decidi dove ordinarla perché sia all’altezza della situazione. Oggi ci sono i cake design che possono accontentare tutte le esigenze.
  • Non scordare di fare al tuo bambino un pensierino che lui terrà per ricordo di questo giorno così importante.
[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B00TVDK868[/asa2]

 

Potrebbe interessarti anche:

Come fare la pasta di sale
views 42
La pasta di sale ha rivoluzionato il modo di giocare di tutti i bambini amanti d...
Come realizzare le bolle di sapone
views 14
Le bolle di sapone non passano mai di moda! Sono un divertimento sia per gra...
Come dipingere una zucca spaventosa per Halloween
views 201
Oggi vediamo come realizzare una zucca per Halloween, diversa dal solito, infatt...
Come tenere saldo il rapporto madre-figli
views 12
Avere dei problemi di comunicazione con i propri figli è un rischio da non sotto...
Come trovare un bambino smarrito
views 13
Quando un bambino si smarrisce la vita diventa immediatamente nera, lo sguardo s...
Come prepararsi alla nascita di un figlio
views 29
Mentre fino a pochi decenni fa si passava automaticamente dalla scuola dell'obbl...

Commenta

Seguici su Facebook