Come misurare l’altezza (o lunghezza) di un neonato

È un problema esclusivamente pratico quello della misurazione della lunghezza di un neonato. Per il bambino o ragazzo la cosa è evidentemente molto semplice: basta farlo restare in piedi ben dritto possibilmente poggiato su di un muro e prendere la misura. Ma per il bambino piccolo, di pochi mesi che in piedi non ci sta…come si fa?

Si distende il piccolino su un piano duro e orizzontale (un tavolo va benissimo), con la mano gli si raddrizzano le ginocchia, che il lattante tende a piegare, fino a che l’intera superficie della gamba, tallone, polpaccio e posteriore della coscia, sia a contatto col piano d’appoggio. Quindi, in corrispondenza delle piante dei piedi, si colloca un oggetto pesante, ad esempio un libro o una scatola. Poi, sempre tenendo dritte le gambe del bimbo e assicurandosi che i piedi restino a contatto con l’oggetto utilizzato, ci si accerta che la schiena sia pure adagiata completamente sul piano e si mette in posizione la testa, la quale non dovrebbe essere girata né a destra né a sinistra, e naturalmente nemmeno piegata in avanti o all’indietro. A questo punto si colloca un secondo oggetto pesante a contatto con la sommità del cranio del lattante, il quale dopo ciò può tornare libero.

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B002Q4TV4E[/asa2]

Si misura a questo punto la distanza dei due oggetti che erano rispettivamente a contatto con la piante dei piedi e con la testa in modo da avere l’esatta lunghezza. Se il bimbo non è troppo scatenato e se la manovra viene effettuata con garbo facendo attenzione a non far spostare gli oggetti durante l’operazione, si riuscirà abbastanza agevolmente a ottenere il risultato voluto. In caso di incertezza si può ripetere l’operazione più volte, intervallandola di qualche giorno in modo da non stressare troppo il bambino.

Per i bimbi un po’ più grandicelli sarà facile convincerli a farsi misurare stando in piedi. È utile coinvolgere il bambino nell’operazione casomai monitorando la crescita. Infatti può accadere persino che il bimbo pretenda di essere misurato continuamente, anche ogni giorno, probabilmente nella speranza di vedere se stesso diventare come i “grandi”.
Il sistema più pratico è quello di allestire una superficie verticale adatta allo scopo, come un pannello, un nastro di stoffa attaccato al muro o più semplicemente il muro stesso!
Il bambino dovrà tenere i talloni uniti vicino alla parete, la schiena ben dritta e il capo eretto con la nuca che a sua volta sfiori la parete. Non deve guardare né in alto, né in basso ma proprio davanti a se e naturalmente deve essere scalzo. A questo punto basterà tracciare un segno con una penna o una matita abbastanza lunghe messe in posizione orizzontale in modo da toccare il cocuzzolo del bambino con l’asta e con la punta la parete dietro di lui. È utile riportare la data della misurazione affianco al segno tracciato in modo da poter monitorare più facilmente la crescita. Leggi anche la nostra guida su COME E QUANDO CONTROLLARE IL PESO DI UN NEONATO.

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B009ODOVXQ[/asa2]

Potrebbe interessarti anche:

Come si cambia il pannolino ad un bebè
views 23
Per cambiare i pannolini di un bimbo, la tecnica è la stessa, sia se utilizzate ...
Come e Quando controllare il peso di un neonato.
views 95
Si sa che quando si parla di neonati è tutto più amplificato, perciò anche la pe...
4 regali che tua mamma sicuramente apprezzerà
views 8
Child giving mom a hug La mamma è sempre la mamma e anche se il suo amore pe...
Come aumentare in altezza in fase di crescita
views 80
Prima di cominciare questa piccola guida su come crescere in altezza, è bene far...
Come si fa per far addormentare il vostro bimbo
views 17
Il sonno dei bambini Le ore di sonno notturne e quelle durante il giorno, speci...
Come si fa per far smettere di piangere un neonato
views 42
I neo-genitori, sono sempre preoccupati quando il loro bambino non ne vuole sape...

Lascia un commento



Potrebbero interessarti:

Seguici su Facebook: