Come migliorare la calligrafia

Con l’irrompere dell’uso dei computer e degli smartphone nella vita quotidiana, l’uso della carta e della penna per scrivere è passato quasi in secondo piano. Tuttavia, ci sono alcune occasioni ufficiali, come la scuola e il posto di lavoro, in cui è richiesta la scrittura a mano, ma se la nostra calligrafia non è esattamente al top, può essere molto difficile decifrarla per chi la legge, causandoci anche delle incomprensioni. Ecco qualche consiglio pratico su come migliorare la calligrafia e diventare più chiari!

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B00ATBRJRM[/asa2]

Come migliorare la calligrafia: iniziate dall’impugnatura

Per migliorare la propria calligrafia, tutto parte dal modo in cui impugniamo la penna o la matita. Sia che decidiamo di usare l’uno o l’altro strumento per la scrittura, dobbiamo assicurarci che lo stesso si trovi tra le prime due falangi del pollice, dell’indice e del medio. La parte inferiore della matita o della penna deve inoltre essere quasi appoggiata sul foglio bianco e deve scorrere in modo naturale, seguendone i movimenti. Tutte le linee verticali si fanno partendo dall’alto verso il basso, mentre i segni tondeggianti (come la O o le due pance della B) si tracciano eseguendo un movimento antiorario.

Come migliorare la calligrafia: tornate a copiare le lettere come a scuola

Nelle scuole elementari, per introdurre gli allievi all’uso dell’alfabeto e della scrittura, si fa un esercizio molto semplice: gli si fa copiare loro delle singole lettere in corsivo.

Per farlo, ci si può servire di un foglio a quadretti o anche di un quaderno, come anche di uno di quei libri (tipo l’alfabetiere) pensati per i bambini e per i ragazzi. Sulle prime potreste anche essere presi in giro, soprattutto se siete già adulti, ma queste persone dovranno ricredersi quando vedranno i miglioramenti che ci saranno nella vostra calligrafia.

E se non bastasse ciò a convincervi, sappiate che nel Medioevo, quando ancora i libri si scrivevano e si ricopiavano a mano ed erano considerati oggetti molto costosi e di lusso, gli amanuensi facevano questo esercizio anche quando avevano finito gli studi da un bel po’ o magari ricopiavano libri a mano da diversi anni! Dalle singole lettere si passa poi alle parole e alle frasi, ottenendo con il tempo l’effetto desiderato.

Come migliorare la calligrafia: progredire con Word

C’è un programma molto utile di Word, che si chiama LibreOffice Writer e che è molto simile all’esercizio che vi abbiamo illustrato sopra. Per cominciare ad usarlo, normalmente si inserisce sul documento di lavoro una tabella ad una colonna, dopodiché si aggiungono tante righe a dipendenza di quante lettere vogliamo scrivere. In ogni riga si digita quindi una lettera e la si ripete fino al termine del foglio. Alla fine del’operazione, si stampa il documento e si ricalcano le lettere. Con un po’ di impegno e tanta determinazione, si possono ottenere dei miglioramenti visibili nella propria scrittura!

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B00MCDJ4UK[/asa2]

Potrebbe interessarti anche:

Come organizzare la festa di Natale a scuola
Visite 27
E' aria di festa e si avvicinano le vacanze di Natale, a scuola si intonano i ca...
Come far mangiare le verdure ai bambini
Visite 32
Far mangiare le verdure ai bambini è una vera e propria impresa. Forzare i bambi...
Come fare una capanna degli indiani
Visite 351
Fare una capanna indiana (teepee) per i vostri bimbi, potrebbe sembrare complica...
Come aiutare tuo figlio ad avere tanti amici
Visite 37
Tuo figlio è un bambino simpatico e divertente, ma nonostante ciò ti sei accorta...
Come organizzare le vacanze di Natale con i bambini
Visite 14
Con l'arrivo delle vacanze di Natale, ci si deve organizzare al meglio per rende...
Il Tiralatte un alleato per la mamma e per il bambino
Visite 16
Per tutte le mamme, l’allattamento al seno rappresenta un momento fantastico pas...

Lascia un commento



Potrebbero interessarti:

Seguici su Facebook:

eComesifa.it - Guide e tutorial ! Soluzioni ai piccoli problemi quotidiani - by Federico Degni