Come installare Google Analytics

come-si-installa-google-analyticsInstallare Google Analytics permette al possessore di un blog di monitorare l’andamento delle visite all’interno dello stesso. Questi dati possono rivelarsi molto utili se ad esempio si intende vendere spazi pubblicitari alle aziende, se vogliamo vendere il blog stesso a un’altra persona o semplicemente, per capire il grado di interesse che le persone dimostrano verso i prodotti o servizi pubblicizzati all’interno.

Tutti coloro che vogliono guadagnare con un blog quindi, devono monitorare il proprio spazio con strumenti professionali e, analytics di Google è ad oggi uno dei migliori.

Come installare Google Analytics su WordPress

Oggi vi spiegherò come installare Google Analytics sul vostro blog creato attraverso WordPress.org. Seguite quindi questa guida passo per passo!

  • Dovete avere un account su Google. Se ancora non lo possedete, entrate su Gmail e create un vostro indirizzo di posta. Il bello di Google è che, con un solo indirizzo e una sola password, avrete accesso al palcoscenico di prodotti che l’azienda offre per semplici utenti e web master.
  • Adesso entrate su Google Analytics e cliccate su “registrazione”. In realtà avete già fatto tutto, quindi non vi resta che inserire il vostro sito web in modo totalmente gratuito.
  • Inserite un nome di account, uno per il vostro sito e l’URL dello stesso. Potete inserire fino a 100 siti per ogni account.
  • Togliete le spunte a tutte le opzioni sotto elencate, soprattutto adesso che è attiva la nuova legge sui Cookie che chiede ai web master di essere molto più consapevoli dal punto di vista di “trasmissione dati” con servizi di terzi. Dopo vi spiegherò anche come rendere anonimi gli IP e di inserirli in forma aggregata.
  • Adesso che lo avete salvato, entrate su “amministrazione” e cliccate su “informazioni monitoraggio”. Si aprirà un menù a tendina, selezionate ora “monitoraggio sito web”. Apparirà un lungo codice. Per il momento lasciate tutto così e aprite una nuova pagina sul browser.
  • Entrate nel pannello di controllo del vostro sito web (sitoesempio.it/wp-admin/) e nel menù di destra cliccate su: aspetto → editor → header.php.
  • Nella pagina che si apre, dovete rintracciare una stringa di codice come questo:<link rel=”pingback” href=”<?php bloginfo(‘pingback_url’); ?>” />
  • Incollate subito dopo il codice che avete ottenuto prima da Analytics.
  • Dovete però anonimizzare il codice Analytics, il quale di per se non prevede la funzione. Per farlo, dovete inserire questo codice: ga(‘set’, ‘anonymizeIp’, true); subito dopo questo: ga(‘create’, ‘UA-XXXXXXXX-X’, ‘auto’); ma prima di questo: ga(‘send’, ‘pageview’);.
  • Inserite il codice per intero all’interno del file header.php e salvate.

Come avete visto, installare Analytics non è difficile. Adesso però fate il controllo finale. Cliccate su “rapporti” e dopo “tempo reale”. Entrate anche nella home del vostro sito e guardate se Analytics riconosce la vostra visita. Può impiegare anche diversi minuti, quindi armatevi di pazienza.

Potrebbe interessarti anche:

Come velocizzare Google Chrome
Visite 29
Google Chrome è uno dei browser migliori e più utilizzati per chi naviga nel web...
Come scaricare le mappe di Google Earth sul computer
Visite 172
Google Maps, mette a disposizione dei suoi utenti, delle mappe molto semplici da...
Come usare al meglio Google
Visite 28
Google non ha certo bisogno di presentazioni, infatti se siete arrivati su quest...
Come impostare i DNS di google ed evitare la censura
Visite 42
Il Web è un posto vastissimo che contiene milioni e milioni di pagine di qualunq...
Come guadagnare con un sito web grazie ad AdSense (Prima parte)
Visite 16
Il primo approccio al guadagno nel web Se state leggendo questo articolo sicura...
Come si installano le estensioni di Google Chrome
Visite 16
Non tutti sanno che il famoso browser Google Chrome , ha una raccolta di "estens...

Lascia un commento



Potrebbero interessarti:

Seguici su Facebook:

eComesifa.it - Guide e tutorial ! Soluzioni ai piccoli problemi quotidiani - by Federico Degni