Caricabatterie portatile a cosa serve e come sceglierlo

A tutti sarà capitato almeno una volta  di trovarsi in spiaggia o in montagna e notare di avere il cellulare completamente scarico e dunque di essere impossibilitati a comunicare con chiunque non sia lì con noi. Per ovviare a questo problema alcune case produttrici hanno creato dei caricatori portatili, che sono in realtà batterie. Ma andiamo a capire assieme qualcosa di più riguardo i caricabatterie portatili.

Come funzionano i caricabatterie portatili?

Il loro funzionamento è davvero semplice, non sono altro che degli accumulatori di corrente elettrica che una volta collegati allo smartphone o a qualsiasi altro dispositivo rilasciano energia ricaricando la batteria dell’apparecchio al quale sono collegati.  Una volta che il nostro caricabatterie terminerà la carica elettrica non ci resterà altro da fare che riporlo sotto carica collegandolo ad una presa di casa e sarà nuovamente pronto a ricaricare a sua volta i nostri dispositivi.

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B00LVFFQ9S[/asa2]

Quale caricabatterie portatile scegliere?

La scelta del caricabatterie portatile va fatta principalmente a seconda dell’utilizzo che ne andremo a fare e della durata di carica che possiede. Se ci serve una sola ricarica di corrente sarà possibile acquistare un caricabatterie economico o di fascia media, che permette di ricaricare lo smartphone una volta e mezza, mentre un lettore MP3 2 volte e mezzo. Poi esistono anche caricabatterie portatili studiati appositamente per le persone che amano restare per lunghi periodi all’aria aperta, in montagna o al mare, i quali riescono a caricare uno smartphone ben 4 o addirittura 5 volte senza alcun problema. Questa particolare invenzione è diventata utilissima a tutte le persone che fanno campeggio e che per motivi di sicurezza necessitano di avere della corrente elettrica sempre a portata di mano senza dover per forza tornare alla civiltà.

Sul mercato odierno esistono moltissimi modelli che variano a seconda della potenza di ricarica e per la resistenza in ambienti davvero ostili, come la sabbia del mare o il fango in montagna. I prezzi solitamente partono da una decina di euro per quelli economici fino ai centocinquanta, duecento euro per quelli che hanno una durata di carica maggiore e quindi sono più adatti per le persone che passano molto tempo all’aria aperta.

Noi consigliamo l’acquisto del bellissimo caricatore portatile Aukey® da ben 20000mAh, si tratta di un apparecchio di ottima qualità che permette di effettuare diverse cariche al nostro smartphone consentendoci di restare all’aperto per lunghi periodi. Per acquistare questo magnifico oggetto basta cliccare sul link.

[asa2 tpl=”Horizontal_box” associate_id_set=”ecomesifa”]B017LZBTPQ[/asa2]

Potrebbe interessarti anche:

Come installare un navigatore offline su Android
views 108
Al giorno d’oggi quando magari viaggiamo, soprattutto all’estero, abbiamo bisogn...
Come si fa per bloccare la doppia spunta blu su whatsapp
views 20
Per bloccare la doppia spunta di WhatsApp si deve avere un dispositivo Android e...
Come trasformare lo smartphone in telecomando universale
views 173
Fino a qualche anno fa se si smarriva o rompeva il telecomando della televisione...
Come scegliere il cellulare adatto a noi
views 13
Sotto Natale non è raro ritrovarci bombardati di pubblicità che ci propongono i ...
Come salvare i messaggi di Whatsapp
views 52
Se siete tra quelle persone che messaggiano moltissimo e come mezzo primario per...
Come creare codici QR online (Senza Software)
views 12
Il QR è un codice a barre di tipo bidimensionale. Il contenuto è visualizzabile ...

Lascia un commento



Potrebbero interessarti:

Seguici su Facebook: